Gare ciclistiche, vietato il transito ai non iscritti

Li chiamano in gergo “imbucati, ma nella realtà legislativa sono a tutti gli effetti dei ciclisti che incorrono a sanzioni amministrative con decurtazione punti dalla patente, ma non solo.

La pratica è in voga da molti anni, in prevalenza nelle gare da competizione su strada amatoriale, ove codesti ciclisti, anche se posizionati in coda, si inseriscono nella gara. Sono riconoscibili dall’assenza del numero dorsale.

In merito a questa infrazione, c’è l’art.9 del Codice della strada, ove vieta il transito sul percorso interessato, a tutti i veicoli ad esclusione di quelli accreditati alla competizione, alle Forze dell’Ordine, ai mezzi di soccorso e antincendio.

L’infrazione, oltre ai punti decurtati dalla patente, comporta inoltre precise responsabilità civili e penali, e, qualora si verificassero incidenti o rimanessero coinvolti in essi, c’è anche il risarcimento degli eventuali danni provocati.

Pertanto si invitano e si sollecitano gli atleti in gara, regolarmente iscritti, nel diffondere questo messaggio, esortandoli a non sostenere gli imbucati, ma prontamente allontanarli e informarli delle responsabilità civilli e penali in cui incorrono.

redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.